INCONTINENZA URINARIA

La terapia chirurgica

Esistono più di 200 procedure chirurgiche per la correzione dell incontinenza urinaria. Le maggiori società scientifiche affermano che in presenza di incontinenza urinaria severa e dopo il fallimento di trattamenti conservativi si dovrebbe considerate la terapia chirurgica come soluzione necessaria e naturale.
La maggior parte delle tecniche chirurgiche sono sicure ed efficaci anche per le pazienti anziane che non abbiano altre importanti patologie concomitanti.
In ogni caso nella scelta della terapia chirurgica è indispensabile tenere presente la possibilità di potenziali complicazioni come la ritenzione urinaria che causa irritazione e difficoltà minzionale.
La scelta della procedura chirurgica spesso non è semplice e può dipendere da particolari condizioni anatomiche e dalla presenza di altre patologie concomitanti all'incontinenza.

L'incontinenza urinaria sia femminile che maschile si può oggi vincere con ottimi e nuovi rimedi indipendentemente dall'età e dalle condizioni del paziente.

La riabilitazione del pavimento pelvico soprattutto per incontinenza da sforzo di grado lieve, nelle pazienti giovani o come approccio preliminare prima di optare per un trattamento chirurgico.

La terapia farmacologia con antimuscarinici è indicata soprattutto per l'incontinenza da urgenza: questi farmaci hanno la capacità di bloccare le contrazioni "capricciose" della vescica, quelle che impediscono di controllare lo stimolo minzionale.

La terapia chirurgica viene utilizzata nell'ambito dell'incontinenza da sforzo, in quella mista e in quella da insufficienza sfinterica.

Leggi anche

Recensioni